Archivio Escursioni

Page: ()  1 ...  92  93  94  95  96  97  98  99  100  101  102  103  104  105  106  107  108  109 ...191   ()
 
Nome Anello del Monte Vettore  
Gruppo Monti Sibillini  
Altezza (m) 2476  
Punto di partenza
42.8341°N, 13.2178°E
 
Dislivello salita (m) 1100  
Tempo di salita (ore) 9  
Punto di arrivo (vuoto se uguale partenza)
Dislivello discesa (m) (vuoto se uguale salita)
Tempo di discesa (ore)  
Comune principale Castelluccio di Norcia  
Provincia Perugia (Umbria)  
Itinerario segnato Si  
Difficoltà EE - Escursionistico per esperti  
Mappa del sentiero  
Traccia per Google Earth File Anello del Vettore  
Note descrittive

Dalla base del Colle di Castelluccio si imbocca la sterrata che porta alla Capanna Ghezzi e la si segue fino ad incontrare un cartello di divieto di circolazione.

Si parcheggia e si prosegue a piedi lungo la sterrata, superando un primo fontanile, fino alla Capanna Ghezzi, davanti alla quale si trova un secondo fontanile.

Si segue ora il sentiero ben segnato che, traversando il fianco della montagna, dopo varie svolte, giunge a Forca Viola (solitamente battuta dal vento).

Si prende ora verso destra il sentiero che sale sul ripido fianco del Monte Redentore (la cima più elevata dell'Umbria) e si continua faticosamente a salire tra le stelle alpine, confortati dalla splendida vista sul Piano Grande di Castelluccio, fino a raggiungere la sottile cresta che alla fine conduce alla vetta (2448 m.).

Da qui è possibile fare una breve deviazione per toccare la cima del Pizzo del Diavolo (2410 m.) la cui parete rocciosa domina la valle del lago di Pilato (circa mezz'ora A/R).

Tornati alla cima del Monte Redentore si prosegue lungo la cresta, quasi in volo tra la Piana di Castelluccio da un lato ed il Lago di Pilato dall'altro, si guadagna la Cima del Lago (2422 m.) e si scende poi ripidamente tra roccette e ghiaia (attenzione!!!) fino al Rifugio Tito Zilioli alla Sella delle Ciaule (2250 m.).

Dopo una breve sosta presso il rifugio, dotato di un locale invernale sempre aperto, si riprende a salire lungo il sentiero che con ampie svolte, in circa un ora, conduce alla ventosa vetta del Monte Vettore (2476 m.) la più elevata del Gruppo dei Sibillini.

Si scende ora inizialmente per la via di salita, che quasi subito si abbandona per imboccare un piccolo canale che rapidamente conduce, per prati zeppi di stelle alpine, all'imbocco della pietrosa Valle del Lago di Pilato che si percorre sul lato destro fino a raggiungere, dopo aver superato un facile passaggio su roccia di I grado, le sponde del lago (1949 m.), dominato dalla imponente parete rocciosa del Pizzo del Diavolo. 

Dalle sponde del lago, seguendo i percorsi consentiti, è possibile osservare il minuscolo "chirocefalo del Marchesoni", un rarissimo crostaceo che vive esclusivamente nel Lago di Pilato.

Si scende ora tenendosi sul lato sinistro della valle attraversando lunghe pietraie e si torna nuovamente a salire, prima gradualmente e poi sempre più ripidamente, fino a tornare a Forca Viola.

Da qui si segue il sentiero dell'andata che porta prima alla Capanna Ghezzi e, successivamente, alle auto.

 

 
Caricata da Riccardo Porretta  
Link web 1 http://www.montisibillini.it/marchesoni.html  
Link web 2 http://it.wikipedia.org/wiki/Chirocephalus_marchesonii  
 

 


Aggiunta Monday, 27 June 2011, 4:04 PM da Riccardo Porretta, ultima modifica Monday, 27 June 2011, 4:04 PM

Page: ()  1 ...  92  93  94  95  96  97  98  99  100  101  102  103  104  105  106  107  108  109 ...191   ()